Alla scoperta dei colori dell’INDIA

Nuovo viaggio, nuova avventura!

La nostra passione per il viaggio e per la fotografia ci porta giorno dopo giorno ad affrontare nuove avventure ma, sebbene volessimo vagabondare in giro per tutto il mondo senza tralasciarne neanche un pezzettino, ci troviamo spesso a dover affrontare una scelta e a domandarci quali tra tante possa essere la nostra destinazione successiva.

Come ben sa chi ci segue da molto, in passato abbiamo visitato l’Europa, il Regno Unito, gli Stati Uniti, il Canada e il Sud America, ma la parte di mondo che più ci affascina negli ultimi anni è l’Oriente. Sarà per l’enorme differenza culturale o per il suo fascino mistico, ma sta di fatto che ultimamente non riusciamo a pensare ad una nuova meta che non sia in Asia.

Dopo aver viaggiato per il Giappone e il Myanmar, la scelta è stata ancora una volta piuttosto difficile: Vietnam? Nepal? Cina? Kashmir? India? India… sì, che sia in INDIA la nostra prossima avventura!

Alla scoperta dell'india

Devo ammetterlo, questa volta la “colpa” della scelta è forse principalmente mia. La cultura indiana, intesa come usi e costumi, mi ha sempre affascinata fin da bambina. Quando andavo alle elementari c’era una dolcissima suorina indiana che vegliava attenta su di noi piccolini: Suor Cecilia, anche detta “La suorina da taschino” (ebbene sì perché quando dico suor-ina è proprio perchè noi bambini di quinta elementare eravamo già più alti di lei), sempre sorridente e con un ottimo senso dell’umorismo, questo soprannome la divertiva moltissimo. Ricordo che in alcune occasioni vestiva il suo bellissimo e coloratissimo sari indiano e toglieva il velo per lasciare allo scoperto una lunghissima treccia di finissimi capelli neri. Altre volte sfoggiava dei sofisticatissimi mehndi, quei tatuaggi temporanei all’hennè raffiguranti disegni dai tratti dolci ma decisi che si faceva da sola a mano libera, una vera e propria arte.

I miei genitori facevano non pochi sacrifici per mandarmi in quella scuola, sia economici sia per gli spostamenti: sveglia presto e via, subito verso la scuola che era distante da casa e poi di corsa al lavoro. Al mattino arrivavo prestissimo, quando le luci erano ancora spente e le maestre non erano arrivate, ma “la suorina da taschino” era sempre lì ad accogliermi con un grande abbraccio.

Cinquephoto India

Dopo tanti anni, Suor Cecilia è tornata in India dalla sua famiglia e al suo rientro in Italia, con mio grande stupore, mi ha portato in dono un bellissimo sari indiano dal color pesca di sfondo e il disegno di tanti fiorellini azzurri. Un regalo bellissimo che ancora oggi conservo gelosamente come fosse un frammento importante della mia vita, un pezzo colorato di un mosaico d’esperienze che mi hanno portata ad essere quella che sono.

La suorina da taschino mi aveva preso in gran simpatia e solo ora, forse, penso a quanto un viso amico possa fare la differenza nella nostra infanzia, nella nostra vita, e come siano sempre le persone più umili ad arricchirci più delle altre.

Non so se la mia attrazione per l’India sia legata solo al ricordo di questa persona, ma di certo ne è una buona componente.

L’India è il paese dei templi e palazzi sfarzosi che trovate a nord, nel Rajastan, l’India è il paese delle fitte foreste e delle tigri che trovate a sud, l’India è poi il paese della gente confusionaria e umanamente sincera che invece trovate ovunque… ed è forse proprio per questo che l’abbiamo scelta. L’India è una delle mete preferite dei viaggiatori zaino in spalla, dai viaggiatori come noi a cui piace immergersi nel popolo e nella cultura del posto a 360 gradi, perchè l’India va vissuta e non solo visitata!!!

Il nostro viaggio alla scoperta dei “colori dell’India” e del suo popolo inizierà durante la stagione monsonica. Come sempre, non vediamo l’ora di intraprendere questa nuova avventura, ma prima un’altra fase altrettanto delicata ed importante ci aspetta: la programmazione del viaggio! Questi mesi di attesa ci serviranno per studiare e pianificare i nostri spostamenti lasciando però spazio alla giusta dose di imprevisti che, nonostante possano rovinare un intero viaggio, talvolta sono proprio ciò che ci sorprende e che ci permette di avere qualcosa “da raccontare” al nostro ritorno.

…to be continued!

Viaggio India

Ordina il romanzo di viaggio  “MYANMAR. La terra dove il tempo si è fermato: impressioni di un fotografo in Birmania” scritto da Francesco Cinque!

  1. SCEGLI IL FORMATO CHE PREFERISCI
  2. CLICCA SUL BANNER PER ORDINARE SUBITO!
Formato Kindle
Formato a colori
Formato bianco e nero

0 commenti

Trackback/Pingback

  1. Cerchiamo Sponsor - PROGETTO INDIA 2017 - Francesco Cinque - Cinquephoto - […] IL PROGETTO INDIA 2017 Nell’Agosto 2017 realizzeremo INDIA: LA VITA OLTRE IL VETRO.  Si tratta di un viaggio che ripercorre…

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *