Dove dormire a Bangkok

da | 9 Gen, 2019 | 0 commenti

Le aree principali dove poter dormire sono sostanzialmente due: l’area più antica e quella moderna. Fatta questa premessa, è ovviamente possibile dormire in qualunque altra zona di Bangkok e -qualora lo si preferisse- ci si può allontanare dal centro alla ricerca di soluzioni più economiche.

Come ho spiegato in più occasioni, preferisco spendere quel qualcosa in più ma trovarmi già in centro città, in modo da minimizzare i costi degli spostamenti e non perdere tempo prezioso.

L'area antica

Iniziamo con quello che potrebbe essere definito il centro storico di Bangkok. E’ un’area fortemente inflazionata dai turisti, dove si concentrano le principali attività notturne. Offre lati positivi e lati negativi. In pochi minuti a piedi potrete raggiungere il Wat Arun o il Palazzo Reale, senza dover ricorrere a Tuc Tuc o Taxi (riduzione spese). Di negativo c’è che -essendo prettamente improntata sul turista- il cibo è pessimo. Tutti i ristoranti sono una copia di quello precedente, con menù che sembrano quasi fotocopiati e una qualità ben distante dal reale cibo Thailandese. Per farvi capire, provate ad entrare in un ristorante di Roma nella zona gettonata da turisti. Quello che mangerete costerà una follia e sarà ben distante dalla reale cucina italiana di qualità. Lo stesso -ovviamente- accade anche a Bangkok.

C’è un altro lato positivo però: se deciderete di organizzare escursioni, gite, o vorrete proseguire il vostro viaggio verso altre destinazioni (mare o nord) troverete sicuramente più supporto e tour. I pullman della Lomprayah partono infatti da questa zona (leggi questo articolo su come raggiungere le isole della Thailandia).

Un altro problema dell’area vecchia è sostanzialmente l’assenza di collegamenti con la metropolitana e con l’airlink (scopri che cos’è l’airlink) aeroportuale. Se deciderete di soggiornare in quest’area dovrete considerare che per tornare in aeroporto il mezzo più comodo sarà il Taxi, che ovviamente ha costi superiori rispetto alla metro. In Thailandia non troverete UBER (purtroppo), ma fortunatamente c’è un’alternativa altrettanto buona ed economica che si chiama Grab (leggi questo articolo per scoprire cos’è Grab).

L'area Moderna

Bangkok nel corso degli ultimi anni ha vissuto e sta vivendo tutt’ora un incredibile ammodernamento. E’ di fatto una metropoli al pari delle più blasonate città americane, con grattacieli e centri commerciali. In quest’area in particolare, è palese lo zampino dei finanziatori giapponesi.

Chi di voi è stato in Giappone, non può non notare delle somiglianze con il centro di Tokyo. Innanzi tutto la pulizia della città è di un livello superiore rispetto alla media, la metropolitana è impeccabile e moderna e ci sono centri commerciali giganteschi ogni 100 metri.

Tutto è molto scintillante ed estremamente organizzato. E’ un quartiere frequentato dalla Bangkok per bene, con meno turisti rispetto all’area vecchia (ce ne sono comunque) e che offre più possibilità culinarie. I ristoranti in questo caso sono veri e non mere trappole per turisti. E’ possibile muoversi tranquillamente con la metro, anche se la cosa che più mi piace è camminare e perdersi tra i palazzi. Ottimo il collegamento con l’aeroporto (leggi l’articolo sull’airlink) e per il mercato Chatuchak (ti spiego cos’è qui).

Il rovescio della medaglia è che sarai tagliato fuori da tutta la zona dei templi. Per visitare quell’area ti toccherà prendere un Tuc Tuc o un Taxi / Grab (qui trovi un articolo sul GRAB).

Quale preferisco? Dipende da quello che devo fare. Se devo poi proseguire il viaggio verso altre destinazioni usando i bus, allora preferisco l’area vecchia. Se invece devo usare aerei o mi trovo a Bangkok solo per vivere la città e non per visitare i templi, allora sicuramente preferisco l’area nuova.

Considera che per muoverti tra area vecchia ad area nuova potrai impiegare anche un’ora di Tuc Tuc, dato che il traffico è talvolta congestionato. Pensa bene a cosa vuoi fare e regolati di conseguenza.

Questo articolo dedicato alle dove dormire a Bangkok ti è stato utile? Scrivimi usando l’area commenti a fondo pagina e dimmi le tue impressioni!
Inoltre, perché non dai uno sguardo agli altri articoli sul sito?

Francesco Cinque

Potrebbero interessarti anche:

La Bussola 07 – Workshop Leica con Carlo Carletti

La Bussola 07 – Workshop Leica con Carlo Carletti

Sono stato due giorni a Milano per un workshop della Leica Akademie. Stupendo, mi ha distrutto perché sono stati due giorni intensivi, ma davvero ne valeva la pena. In realtà mi ha ricaricato, rinvigorito e dato tante energie e spunti. Fa sempre bene studiare, e...

leggi tutto
La Bussola podcast 06: mini treppiede da viaggio

La Bussola podcast 06: mini treppiede da viaggio

Sesta puntata della bussola: oggi parliamo di voli (più che altro di regole) e di mini treppiede da viaggio. Un piccolo excursus su Air Italy e poi una tematica che tocca tutti i fotografi che vogliono viaggiare: il cavalletto si può portare in cappelliera o no? La...

leggi tutto
La Bussola podcast 05: i libri fotografici consigliati

La Bussola podcast 05: i libri fotografici consigliati

Ed eccoci qui alla quinta puntata della "Bussola - Tra viaggio e fotografia". Clicca qui per ascoltare su Spotify. Ma ricordati che è disponibile su tutte le principali piattaforme, come Apple Podcast (quindi in ogni iPhone). ASCOLTA LA QUINTA PUNTATA DELLA BUSSOLA...

Come sposarsi a San Galgano

Come sposarsi a San Galgano

A volte anche i fotografi si sposano, no? Dovete sapere che oltre ad essere un fotografo di matrimonio (e di viaggio), sono prima di tutto un inguaribile romantico. Non ci credete? Beh, guardate la mia proposta di matrimonio qui sotto.. e poi mi dite COME SPOSARSI...

Come scegliere il fotografo del matrimonio

Come scegliere il fotografo del matrimonio

Come scegliere il fotografo del matrimonio quando non si hanno competenze in fotografia? Sembra banale, ma è una delle domande più frequenti che mi fanno le persone che conosco. Vi darò i consigli migliori che mi vengono in mente. Le cose da "addetto ai lavori" alle...

Lascia un commento

Iscritto all’Albo dei Fotografi Professionisti TAU Visual.

Francesco Cinque

Fotografo e Digital Manager, Cinquephoto Studio

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *