Fotografo per matrimoni

Come scegliere il professionista adatto alle vostre esigenze

La scelta del fotografo per matrimoni non è per nulla semplice e, per quanto possa sembrare banale, è necessario commissionare il lavoro al giusto professionista per evitare spiacevoli sorprese il giorno delle nozze.
Questa piccola guida potrà aiutarvi nella difficile scelta, solo un fotografo per matrimoni professionista sarà in grado di cogliere i momenti più emozionanti del vostro giorno più bello e fissarli nel tempo.

Per scegliere il fotografo per matrimoni è importante non dimenticare alcune cose fondamentali:

1 – Visionare il portfolio: il primo passo consiste nel valutare il portfolio del fotografo per matrimoni a cui ci si rivolge, questo vi permetterò di capire se la tipologia dei suoi lavori può essere di vostro gradimento e se la qualità dei suoi lavori è all’altezza delle vostre esigenze.

2- Verificare competenze e professionalità: per definirsi professionisti non basta avere “un bell’occhio” nello scattare le foto ed essersi dilettato in qualche scatto. Diffidate da chi non ha le giuste competenze, per essere un fotografo bisogna aver seguito corsi di fotografia e lezioni di sviluppo e post-produzione con Adobe Photoshop. Verificate quindi le capacità e le competenze del vostro fotografo per matrimoni. Inoltre, per evitare sorprese, conviene scegliere sempre un professionista con partita iva e iscritto all’albo dei fotografi.

3- Contattare il fotografo con anticipo: per non correre il rischio di perdere i ricordi della vostra giornata più bella è necessario scegliere e contattare il vostro fotografo per matrimoni con anticipo. In questo modo il fotografo avrà modo di preparare per tempo la giusta attrezzatura fotografica che gli permetterà di scattare al meglio in base alle condizioni di luce della location che avete scelto.

4- Concordare il tempo di permanenza: non esiste un tempo di permanenza standard del fotografo per matrimoni, a seconda delle vostre preferenze però è bene definire fino a che momento dovrà essere presente. È possibile infatti che vogliate che venga documentata solo la cerimonia oppure far proseguire il lavoro del fotografo durante il ricevimento o fino al taglio della torta.

5 – Tipologia del servizio: nel caso optiate per una tipologia in stile “reportage” il fotografo per matrimoni si occuperà di documentare l’intera giornata cercando di catturare immagini il più possibile spontanee, senza però escludere le foto con i genitori, i parenti, i testimoni e amici. Nel caso in cui vogliate invece “foto posate” si tratta di foto realizzate in posa dietro indicazione del fotografo allo scopo di immortalare i passaggi più significativi della giornata, ma tralasciando la spontaneità. Ovviamente non esiste una tipologia di servizio migliore rispetto all’altra, dipenderà esclusivamente dal vostro gusto personale.

6 – Numero di scatti e fotografie post-prodotte: non esiste un numero di foto minimo o massimo. La cosa importante è che il vostro fotografo per matrimoni abbia colto i momenti più significativi della giornata. Avere numerose fotografie non vuol dire necessariamente aver affidato il lavoro al miglior professionista, non è infatti una garanzia di avere belle foto e diventa inoltre molto complicato selezionare quelle più belle.

7 – Come evitare “fregature”: diffidate da fotografi per matrimoni con prezzi troppo bassi e con troppi servizi compresi nel prezzo, nascondono probabilmente degli imbrogli. La professionalità ha un costo che deriva dall’investimento che il fotografo stesso ha fatto per la sua preparazione e per l’attrezzatura che ha a disposizione.

Francesco Cinque - Fotografo matrimoni professionista

Ora che avete in mente i punti chiave per scegliere il fotografo per matrimoni non ci resta che farvi gli auguri per il vostro giorno più bello!