Le Celebrazioni di

San Sebastiano

Parrocchia di San Sebastiano

Le celebrazioni di San Sebastiano Martire

Ho scoperto questo festival durante uno dei miei progetti, il Ducati Trip Italy.
Correva l’anno 2013 e viaggiavo -in solitaria- lungo la costa italiana con la mia piccola Ducati Monster. Da quel momento, questo festival ha sempre avuto un posticino speciale dentro di me.

<i>Tiziano Terzani</i>

Ci sono giorni nella vita in cui non succede niente, giorni che passano senza nulla da ricordare, senza lasciare una traccia, quasi non si fossero vissuti. A pensarci bene, i più sono giorni così, e solo quando il numero di quelli che ci restano si fa chiaramente più limitato, capita di chiedersi come sia stato possibile lasciarne passare, distrattamente, tantissimi. Ma siamo fatti così: solo dopo si apprezza il prima e solo quando qualcosa è nel passato ci si rende meglio conto di come sarebbe averlo nel presente. Ma non c’è più.

Il festival di San Sebastiano

Il festival di San Sebastiano è uno degli eventi più drammatici ed intensi a cui abbia mai assistito. Innanzi tutto chiariamo una cosa, non sono un uomo di fede, quantomeno non cristiana.  Ciò nonostante ho scoperto sulla mia pelle quanto l’energia degli abitanti di Palazzolo Acreide (provincia di Siracusa) possa essere contagiosa. Ti prendono e di spingono in una tempesta di lacrime, sudore e urla: gioia ed emozioni.

L’intero festival si svolge nell’arco di due giorni, il 9 e il 10 Agosto di ogni anno. La sera del 9 Agosto, i fedeli si riuniscono nella piccola Basilica di San Sebastiano (Patrimonio dell’umanità UNESCO)

Inutile allarmismo o reale pericolo?

Il 17 dicembre del 2013 il Corpo Forestale Italiano ha effettuato un blitz sull’intero suolo nazionale per porre sotto sequestro tutti gli esemplari conosciuti di American Wolfdog. Gli ibridi, posti agli arresti domiciliari, si trovano in gran parte in attesa di un giudizio delle autorità, le quali dovranno decidere se considerare questi esemplari dei cani o dei lupi. Il professore Ettore Randi, genetista dell’Università di Bologna e membro dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale) afferma che i test vengono effettuati tramite l’analisi del DNA mitocondriale. Il DNA mitocondriale è un minuscolo filamento che si trova all’interno della cellula e che si occupa della respirazione della cellula stessa, con questo tipo di analisi è possibile identificare senza ragionevole dubbio se il campione preso in esame appartenga ad un lupo, un cane o ad un ibrido; tuttavia è molto difficile (se non impossibile) risalire alla generazione dell’ibrido. La legislazione italiana vieta la detenzione di ibridi fino alla quarta generazione (“F4”) in assenza di prescritte autorizzazioni, poichè considerati specie protetta dalla Convenzione Cites, la convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione.
Non potendo però definire a che generazione “F” appartengano gli AWD, sono attualmente posti sotto sequestro in attesa che venga presa una decisione in merito. Ma quali sono i reali pericoli? Da un lato è possibile trovare il Corpo Forestale dello Stato, dall’altra gli appassionati e proprietari di American Wolfdog. Ciascuno esprime opinioni e dubbi nei confronti della controparte.
Lo stato teme per l’introduzione di questi animali, sostiene che possano diffondersi a livello randagio e “contaminare” il lupo italiano. Non solo, temono che questi animali possano dimostrarsi aggressivi nei confronti di persone e delle altre specie. I proprietari (unitisi recentemente in un’associazione per la tutela dell’AWD) sostengono si tratti di un inutile allarmismo e se ci si sofferma al mero aspetto estetico non si riuscirà mai a superare questo blocco psicologico. Esattamente come altre razze di cane lupo si tratta di ibridi dal temperamento selvaggio, ma mai aggressivo e mantengono sotto le mastodontiche apparenze estetiche un comportamento proprio di qualunque razza canina. Come ogni razza canina non si può parlare di “potenzialmente aggressivo o pericoloso”, in quanto dipende dall’educazione impartita dal proprietario. In ultimo sostengono di essere in possesso di veri e propri cani, ben oltre la generazione “F4” imposta dalle vigenti leggi. Qualunque sia la realtà, resta di fatto una situazione da risolvere il prima possibile, è eticamente immorale che questi animali debbano essere rinchiusi agli arresti domiciliari, senza poter uscire dalle proprie gabbie. Servono nuovi parametri di riferimento che definiscano una volta e per tutte la legalità o meno di questi esemplari e le regole da seguire per un’importazione tutelata e sicura.

Per richiedere delle stampe

Tutte le immagini contenute in questa galleria sono sono in vendita come stampe da collezione.

Le dimensioni più diffuse sono le seguenti:

  • Formato 112x168cm
  • Formato 75x112cm
  • Formato 60x90cm (A1+)
  • Formato 60x42cm (A2)
  • Formato 48x33cm (A3+)

Si spedisce in tutta Italia, ed è possibile pagare con bonifico bancario o Paypal. Inoltre tutte le stampe possono essere pannellate per poter essere esposte in casa o in ufficio senza necessità di acquistare ulteriori supporti a parete.

Per richiedere un preventivo dettagliato è necessario contattarmi.

Altri Progetti

Celebrazioni San Sebastiano
12 dicembre 2018
Francesco Cinque
American Wolfdog
11 dicembre 2018
Francesco Cinque
Ducati Trip Italy
6 dicembre 2018
Francesco Cinque